Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


xy se io qui volessi gli Autor tutti citare , che hanno con raolta lode trattato in versi le Cristiane Verità. E se il Milton nel suo Paradiso perduto avesse lasciato da parte i suoi Silfi ( nuova aggiunta fatta alla Tavoleg- giante Mitologia ) 5 nulla perciò avrebbe scapitato di merito il suo bel Poema ; che già altre idee graziose non sarebbongli mancate da sostituire a quella spezie di Deità, (a). Ora per raccogliere le molte in poche, parmi che dal sin qui detto ogni persona di buon senno inferir possa , che già non è un errore il pensare , che i sog- getti Cristiani non convengano alla Poesia, come quelli del Paganismo ; ma che piuttosto egli è un errore X as- serire il contrario; errore, il quale se nel Voltaire debba dirsi d' intelletto , o di volontà , lascerò , che al- tri il decida. Certo è , che questo Autore non si è mostrato troppo appassionato per la Religione Cristian na , come lo fanno pur troppo vedere le sue opere scandalose. (a) Ignoro, che il Milion nomini i Silfi nel suo poe- ma ; e forse la voce Silfi sta cjui per altri Spiriti ri* cordati in quel poema.