Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 visione

Dei Re de’ fiumi alla populea sponda
     M’avvidi il pien d’orror nembo appressarse
     15Per lo increspar retrogrado dell’onda,
Pel lume fier, che sovra l’argin arse,
     E per la polve attorcigliata in suso,
     18Che sì folta negli occhi a me si sparse,
Ch’io colle man difesi il ciglio chiuso.
     E allor fra le addoppiate ire del vento,
     21Fra la tempesta e i fulmini confuso
S’io cadessi non so ne’ sensi spento,
     E lo Spirto di Dio nuove infondesse
     24Idee nell’Alma assorta in quel momento,
O se più lieve il corpo mio rendesse
     L’agitato sul Po turbin che apparve
     27Sì, che l’eterea via varcar potesse;
So che su’n erto colle esser mi parve
     Sì certo spettator di quel ch’io vidi,
     30Che fora colpa il dubitar di larve.
Eran alberghi di silenzio fidi
     Del colle i poggi, ove nè armento rara
     33Orma imprimea, nè augel formava i nidi
Lo vestìa terra ingrata e d’erbe avara,
     E l’adombravan le ramose piante
     36Del sacro incenso e della mirra amara.
Muta era l’aria; ma in que’ sassi infrante
     Tratto tratto s’udian d’un pianger fioco
     39Note come di suon da lungi errante:
Lume tranquillo ivi splendea, ma poco;
     E pur un non so che d’interna pace
     42Mi rendea dolce, ancor che triste, il loco.
Mentre in profondo meditar sen giace
     L’Alma gl’ignoti obbietti: E perchè vai
     45Pensando a quel che tua ragion ti tace?