Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 visione

Diedi un largo respiro allor che affiso
     Tenni lo sguardo al racquistato giorno,
     516E al Duce, ch’io temea da me diviso;
Ed Ei, che me stupidamente intorno
     Scorse guatar la florida montagna,
     519Fuggi, gridò, dal lusinghier soggiorno;
Ripassa la palude ima, che bagna
     Questa rupe ai desir folli sì vaga;
     522Ricalca 1’argin fra l’acqua, che stagna;
Chè benché l’Alma tua deggia esser paga
     Dell’orror preso, pur ha il monte crudo
     525Sembianza troppo allettatrice e maga.
Così parlando a me di forze nudo
     Diè lena, e su’l sentier meco il piè mosse
     528Egli, che fu scorta a’ miei passi e scudo.
Quand’io pien del terror, che in me commosse
     L’idea di tanto duol, che fora immenso,
     531S’anche a lui mista Eternità non fosse,
Dissi angoscioso: A vortice sì denso
     D’atroci mali, cui ognor s’aggiunge
     534Nel continuo soffrir peso più intenso,
Non si porrà termin giammai? Mi punge
     Pietà così, che sceso per le gote
     537Largo a innondare il sen pianto mi giunge.
Ed Ei rispose: D’ogni speme vote
     Son le dannate al duolo Alme infelici;
     540E Dio, che tutto può, questo non puote;
Ch’egli giurò perpetuo a’ suoi nemici
     Lutto, e il fe’ noto colla sacra legge,
     543Ed eterne a’ suoi fidi ore felici;
Or, poiché i suoi pensieri immenso regge
     Divo Saper, che immense ornan virtuti,
     546Non mai quel ch’ei pensò tempra, o corregge.