Pagina:Alfredo Panzini - Il diavolo nella mia libreria.djvu/171

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
164 II diavolo nella mia libreria ::

Il vecchio poeta ora se ne va tristamente. Come sono avvizziti i suoi versi! Non sa neppur lui dove si rifuggirà. Si trascina dietro tutta la sua compagnia di burattini; i romani con la corazza di cartone, i greci con la spada di legno dorato, i pastorelli d’Arcadia con le calzine bianche, Nice tutta incipriata. Piangono. Hanno paura. Il filosofo Herder ci ha guinzagliato dietro tutti i cani feroci del romanticismo tedesco. I boschetti d’Arcadia sono scomparsi. Si muovono le nere foreste del nord. Nice si asciuga le lacrime. I sanculotti la circondano e minacciano di scoprirle le vestine come alla contessa di Lamballe.

Chissà se forse mai
Ti sovverrai di me.

Profumavano di vecchie gaggie questi versi, e non è facile dimenticarli.

«L'ora di gioia che vi ho dato io, nessuno ve la darà più», mi dice il vecchio poeta.