Pagina:Algarotti - Il Newtonianismo per le dame, 1737.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 Dialogo Secondo.

lattia, che dicesi Gutta Serena, fu la cagione della cecità fe non del Greco almeno dell’i nglefe Omero, ch’egli intrecciò nel fuo Poema alle amenità del perduto Farad:fo, alle zuffe degli Angeli, all’Àbifso pregnante.

Questo quadro adunque della camera ofeura, di fs’ella, che parea follmente proprio ad occupar qualche oziofo, o al più qualrhe curiofo di pittura, ci procura de gran vantaggi, e fa per fino rico v rare in alcuni cafi la viltà a’ ciechi. Non abbiamo noi l’obbligo al Defcartes dell’avercelo refo cotanto utile? Felice il Defcartes, foggiuns’io, a cui voi vorrefìe efler obbligata d’ogni cosa: Ma questa volta voi lo farete a un induflnofoTcdefeo, che à cominciato molte cofe, che gli altri anno poi pei fazionato. frgli fu il primo a darci la vera fpicgazion della vilìone, la quale è tfara in ogni tempo uno degli oggetti della conlìderazion de* FiloJcfi, e ptr confeguente à avuto anch’e fla la fu a non disprezzabile porzione di follie. Imperciocché alcuni tra gli Antichi ànno immaginato certi raggi, i quali dall’interno dell’occhio llendeadofi fino alla fuperficie di effo, premevano l’aria f no all’oggetto da vederli, e quel!’ aria poi trovando la relìihmza dell’oggetto, lo faceva kn tire alla villa. Altri dittero, la vtfione farli dalla rifleflione della villa, cioè perchè ufeivano dall’occhio de* raggi fino all’oggetto, e fi riflettevano da quello nell’occhio in modo, che lo informavano efattarnente, come l’oggetto fosse. Ne mancarono di quegli che dissero, uscir dall’occhio alcuni effluvj i quali a mezza strada avve-