Pagina:Algarotti - Opere scelte 1.djvu/343

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


AL MOLTO REV.PADRE

SAVERIO BETTINELLI

DELLA COMPAGNIA DI GESÙ


FRANCESCO ALGAROTTI

Dovrebbe farmi levare in superbia il giudizio che ha recato V. R. di quella mia scrittura in francese e darmi animo sopra tutto a vieppiù coltivare quel bello idioma, in cui Ella ha posto tanto studio e pare che faccia le sue più care delizie. Se non che quanto sia difficile impresa il piacere a così superbi giudici, come sono le sue orecchie o quelle de’ Parigini, io l’ho provato abbastanza; ed ho potuto conoscere il pericolo a che altri si mette scrivendo in una lingua non sua. Sopra di tal materia ho distese alcune considerazioni che a lei trasmetto. Non già per distorla dallo scrivere in francese o in qualunque altro idioma a lei più piacesse, ché dai pericoli non hanno da essere ritenuti