Pagina:Alighieri, Dante – La Divina Commedia, 1933 – BEIC 1730903.djvu/463

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

paradiso - canto xxxi 457

     e s’io avessi in dir tanta divizia
quanta ad imaginar, non ardirei
138lo minimo tentar di sua delizia.
     Bernardo, come vide li occhi miei
nel caldo suo calor fissi e attenti,
141li suoi con tanto affetto volse a lei,
     che i miei di rimirar fe’ piú ardenti.