Pagina:Alle porte d'Italia.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

emanuele filiberto a pinerolo 115

mano sinistra con trepidazione; una sera pure, aveva imitato con la penna la enorme e strana firma del Duca, che pareva fatta a colpi di pugnale, ed era fiancheggiata da un lunghissimo tratto nero inclinato simile all’asta d’un’alabarda. E ad Evelina brillava l’anima a quelle notizie, e ad ogni nuovo particolare prorompeva in una viva esclamazione; e poi rimaneva un momento pensierosa, come per risentire dentro di sè l’eco della voce che aveva parlato; e in quei momenti teneva l’occhio fisso sul cappello di feltro scuro del Benavides, appeso alla spalliera d’una seggiola; intorno al quale girava una penna nera di struzzo, fermata sul davanti per mezzo d’un piccolo anello d’oro ingemmato: un ricordo della madre morta.



Il solo che riuscisse qualche volta a far sorridere il Benavides era il vecchio Lombriasco, con le sue tirate di politica internazionale. Dopo che aveva l’onore di quella nobile clientela spagnuola, si dava per grande partigiano della Spagna; ciò che feriva il senso delicato della figliuola, la quale si ricordava d’averlo inteso molte volle inveire con alte declamazioni contro “il mostro insaziabile„ che divorava la Lombardia dalla Sesia all’Adda, e i regni di Napoli e di Sicilia e di Sardegna, e i presidii toscani “che Dio lo faccia tristo.„ Ma il notaro non badava agli scrupoli della ragazza. — La Spagna, care mie! — esclamava, voltandosi alla