Pagina:Aminta.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Scena Seconda. 67

Ch’io non m’uccida? temi del mio bene.

Dafne
Non disperar, Aminta,

Che, s’io lei ben conosco,
Sola vergogna fù, non crudeltate,
Quella, che mosse Silvia à fuggir via.

Aminta
Ohime, che mia salute

Sarebbe il disperare,
Poiche sol la speranza
È stata mia rovina, et anco, ahi lasso,
Tenta di germogliar dentr’al mio petto,
Sol perche io viva: e quale è maggior male
De la vita d’un misero, com’io?

Dafne
Vivi misero, vivi

Ne la miseria tua: e questo stato
Sopporta sol per divenir felice
Quando che sia. fia premio de la speme,
Se vivendo, e sperando, ti mantieni
Quel che vedesti ne la bella ignuda.

Aminta
Non pareva ad Amor, e à mia Fortuna,

Ch’à pien misero fossi, s’anco à pieno
Non m’era dimostrato
Quel, che m’era negato.

Nerina
Dunque à me pur convien’esser sinistra

Còrnice d’amarissima novella,
O’ per mai sempre misero Montano,
Qual’animo fia’l tuo, quando udirai
De l’unica tua Silvia il duro caso?
Padre vecchio, orbo padre: ahi, non più padre.

Dafne
Odo una mesta voce. Aminta Io odo ’l nome,

Di Silvia, che gli orecchi, e’l cor mi fere:


Ma,