Pagina:Aminta.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 Atto Quinto.

E per che ignote strade egli conduce
L’huom ad esser beato, e frà le gioie
Del suo amoroso Paradiso il pone,
Quando ei più crede al fondo esser de’ mali.
Ecco, precipitando, Aminta ascende
Al colmo, al sommo d’ogni contentezza.
O fortunato Aminta, ò te felice
Tanto più, quanto misero più fosti.
Hor co’l tuo essempio à me lice sperare,
Quando che sia, che quella bella, et empia,
Che sotto il riso di pietà ricopre
Il mortal ferro di sua feritate,
Sani le piaghe mie con pietà vera,
Che con finta pietate al cor mi fece.

Choro
Quel, che qui viene, è il saggio Elpino, e parla

Così d’Aminta, come vivo ei fosse,
Chiamandolo felice, e fortunato.
Dura condicione de gli Amanti.
Forse egli stima fortunato Amante
Chi muore, e morto al fin pietà ritrova
Nel cor de la sua Ninfa, e questo chiama
Paradiso d’Amore, e questo spera.
Di che lieve mercé l’alato Dio
I suoi servi contenta? Elpin, tu dunque
In sì misero stato sei, che chiami
Fortunata la morte miserabile
De l’infelice Aminta? e un simil fine
Sortir vorresti? Elpino Amici, state allegri,
Che falso è quel romor, che à voi pervenne
De la sua morte.

Choro
O che ci narri, e quanto

Ci