Pagina:Amori (Savioli).djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Npag.png43

A te le Grazie nutrono
     Leggiadra amabil figlia:
     Tu la marina Venere,
     Ed essa Amor somiglia.
     
Deh prenda Amor medesimo
     Le sue sembianze almeno;
     Egli in sua vece positi
     Soavemente in seno.
     
Già del nipote Ascanio
     Finse così l’aspetto,
     E non temuto incendio
     Versò d’Elisa in petto.
     
Ed oh pietosa grandine,
     Oh solitario speco!
     In te....ma dove guidami,
     Ahi lasso! un desir cieco?