Pagina:Amori (Savioli).djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Npag.png83


Eco gentil dolendosi
     Del suo crudel Narciso,
     In voce ignuda ed arida
     Cangiò le membra, e ’l viso.

Clizia affannosa Driade
     In croceo fior cangiata,
     Tien volta al caro Apolline
     La faccia abbandonata.

Tregua a sospiri, e a lagrime,
     Fine alle tue querele,
     Onde gli Dii non t’abbiano
     Pietà così crudele.