Pagina:Andrea da Barberino - Guerino detto il Meschino, 1841.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo xvi. 163

di quelli che contra la fede di Cristo facessero. Nè si trovano in questo paese eretici come sono in Grecia, e in Italia». Partiti da Aurona andarono costeggiando le montagne di Garbesten e in molte giornate arrivarono al fiume detto Stapar, il quale esce nel collo di Gaconia, e qui ebbe per ispie come i Cinamoni venivano verso loro. Ebbe notizia che i Cinamoni avevano poche arme, e manco n’avrebbono se non fossero quelle che avevano acquistate. Per questo volle vedere il Meschino quant’arcieri erano nel campo, e si trovò averne quattordicimila. Allora molto si confortò in quel giorno, ordinò spie le quali dissero come avevano dette le prime: ma dissero come per le ricchezze acquistate avevano più niuna ragione in loro, e non curavansi più di Dio, nè de’ Santi, ch’ogni legge contaminavano per la gola, per la lussuria, in modo che il padre stava con la figliuola, i figli con la madre, e il fratello con la sorella, e peggio ch’erano entrati in peccati contra natura, senza freno, e facevano molti peccati scellerati. Per questo lor timor di Dio, disse il Meschino; «a me pare aver vinta questa battaglia», e congregò il suo consiglio. E sparse in pubblico questa infamia per il campo, confortando i suoi, che Dio s’era adirato contro i Cinamoni, come al tempo del diluvio si corrucciò per simili peccati contro l’umana natura. E comandò che il campo s’inviasse contra i Cinamoni, e andò appresso a loro una giornata, e sempre dietro il fiume.


[immagine da inserire]