Pagina:Andrea da Barberino - Guerino detto il Meschino, 1841.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 guerino.

levatolo, il Meschino, che sentì questa novella dolorosa, si mise a pianger forte fino alla disperazione.

Tuttavia l’amore che aveva concepito per Alessandro, il quale avealo fatto libero, servì non poco a consolarlo, ed a renderlo forte abbastanza per sopportare la sua disavventura. Stette con Alessandro non come schiavo e venduto, ma come libero e compagno, ed imparato bene a cavalcare e far fatti di arme, fu tanto amato nella corte e dallo imperatore quanto quasi Alessandro.

L’imperatore aveva una figliuola per nome Elisena, che era di quattordici anni, e molto bella. L’officio del Meschino era di tagliare1 innanzi l’imperatore, alcuna volta innanzi Alessandro, ed alcuna volta innanzi Elisena, per la qual cosa tanto s’innamorò di lei, che il suo amore disfogava in continui sospiri, senza che la bella Elisena se ne avvedesse di nulla. Il Meschino teneva celato il suo amore per quanto più poteva, onde essa amava lui per niente, e stette più d’un anno che alcuna persona non potè sospettare di questa fiamma secreta che a poco a poco consumava il suo cuore. In tutto questo tempo egli si acquistò molto nome per le giostre che molte volte si facevano sulla piazza, conciossiachè ogni volta che il Meschino giostrava, avesse onore, essendosi a questo modo esercitato a scrimiare in tutti i modi che bisognava a’ fatti d’armi, cosicchè per il territorio dell’imperatore fu molto amato e stimato.


Guerino detto il Meschino separatore.png



  1. Questo era l’officio dello scudiere così detto trinciante come a que’ tempi si usava. Però si vede che il Meschino alla corte di Costantinopoli aveva tale impiego, che solo era pei gentiluomini, i quali facevano i lor passi alla cavalleria, e ciò forse per essere molto ben voluto. Lo scudiere trinciante occupato a tagliare le vivande ne’ convitti, e quindi a distribuirle ai commensali, era sempre ritto in piedi. A questa carica, cui si poteva pervenire solo dopo essere stato paggio o donzello, e con certi riti, i propri figliuoli de’ sovrani nelle corti loro si vedevano soventi volte applicare.