Pagina:Anime oneste.djvu/175

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

comincia il dramma 161

Sebastiano poteva crearsi l’illusione di credersi solo con Anna nella pace sconfinata di una casa di campagna.

Anna, rassicuratasi, fini la lettera e la rilesse.

— Perchè piangevi quando sono entrato? — domandò Sebastiano, continuando a scrivere.

— Sogni?... — fece Anna, ripiegandosi su se stessa. E cominciò a tremare, riafferrata da una strana paura. Il risolino che accompagnò la sua parola parve un singulto.

— Io non sogno, sei tu che sogni, o Anna Anna!... — disse Sebastiano, scrivendo sempre. La sua voce era monotona, seria. Pareva parlasse inconsciamente, col pensiero altrove.

— No, io non comprendo.... — mormorò la fanciulla, piegando nervosamente il foglio: e siccome il cugino non parlava, ella disse quasi fra sè:

— Piangevo!... ma guardate che idea! Mi hai veduto tu! Non so perchè dovrei piangere....

Sebastiano, a un tratto, cessò di scrivere e si rivolse tutto verso di lei.

— Devo dirti poche parole. È da molto che