Pagina:Anime oneste.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 il sacrifizio


— Lo credo bene, — interruppe Sebastiano con ironia. Ma Gonario non si stancò punto di essere prudente e calmo. Continuò a perorare la sua causa, ma invano.

— Basta, basta! — disse alla fine Sebastiano, fermandosi. È inutile; non ci capiremo mai. Non se ne parli più. Tu cercherai un’altra moglie, ne troverai da per tutto, e più belle e più ricche di Caterina nostra. Bevi.

— No, grazie, non bevo più. — Ne riparleremo domani?

— E perchè? Tanto è inutile. Ciò che ti ho detto resta per domani e per sempre....

— Per sempre? questo si vedrà poi.... Andiamo, vuoi uscire con me?

— Se ti fa piacere.

Uscirono insieme. Anna senti Sebastiano che chiudeva la porta, e poi i passi dei due giovanotti che si allontanavano insieme per la via.

Cadde seduta sul davanzale esterno della finestra, e appoggiando la testa all’inferriata rivolse al cielo la faccia pallida e angosciata.

La notte era tiepida, silenziosa. La luna