Pagina:Anime oneste.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
192 il sacrifizio


— Ti ho detto che verrà subito! — esclamò Caterina, infastidita, mandando in aria i suoi stivaletti. — Hai la febbre?

— No, sono raffreddata, — rispose Anna.

Battè la testa sul guanciale e chiuse gli occhi per non veder più Caterina, che le pareva toccasse il soffitto con la testa.

Anna, nonostante i sintomi della prima sera, non risentì nella sua gracile costituzione alcun disturbo fisico per il dispiacere subito.

Chi invece, nei giorni seguenti, parve ammalarsi fu Caterina. Diventò pallida, cupa, e i suoi occhi splendidi accusarono o la febbre o un pianto segreto.

— Cosa hai? — le chiedeva Anna, ma anche Caterina rispondeva con voce rauca:

— Sono raffreddata.

Un giorno si coricò.

— Chiamiamo il medico? — domandò Maria Fara inquieta.

— Non voglio, lasciatemi tranquilla! — esclamò Caterina senza ammetter repliche.