Pagina:Anime oneste.djvu/285

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

la lontananza 271

di quei fatti singolari che pur accadono spesso.

Il volto del giovine pastore si rassomigliava perfettamente a quello di Gonario Rosa!

— Me ne andrò anch’io, come Sebastiano, — pensò Anna staccandosi dal muro, dopo aver ricordato, rabbrividendo ancora di umiliazione e di rancore contro la sua impotenza, l’impressione provata quel giorno.

E la lontananza le arrise come una grand’iride di pace e di speranza. Attraversò tutto l’orto. Al di là del muro i bambini giocavano ancora; attraverso la siepe le loro grida e le loro risate allegre giungevano fino ad Anna.

Ella ricordò; ricordò i primi giorni dopo il suo arrivo, e rivide Sebastiano che con le forbici in mano minacciava di tagliar la punta del naso a Caterina.

E passò, con un sorriso su le labbra pallide, i cui angoli si ripiegavano pure con infinita tristezza.

Nel tiepido cielo di un azzurro slavato, dia-