Pagina:Anime oneste.djvu/42

Da Wikisource.
28 i primi giorni

dal lungo muso vellutato e gli occhi che parevano di cristallo. Una sola macchia bianca, in fronte, interrompeva la nerezza lucente del suo elegantissimo corpo.

Lo trovarono in cucina che giocava con Antonino.

— Senti un po’ chè ti dico una cosa, — disse Caterina al fratellino, tirandolo nel cortile. Dopo il rabbuffo di Sebastiano si era fatta seria e triste.

Rimasero fuori lungo tempo. Confabulavano a voce bassa e Antonino ascoltava con le braccia incrociate sulla schiena. Annicca non seppe mai ciò che dissero. Nel mentre esaminò la cucina, guardò dentro al forno e contò le casseruole di rame, lucentissime, appese sulle pareti gialle. Fece anche conoscenza intima con le serve, di cui una accendeva il carbone sui fornelli e l’altra scopava. Rosa era grande e brutta; una pertica vestita, ed Elena era piccola.

Rientrando Caterina disse alle serve:

— Dovete chiamarla donn’Annicca questa qui, perchè è dama.