Pagina:Annali overo Croniche di Trento.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
156 Delle Croniche di Trento

dalla Città s’avicinavano, non giudicando bene abbadare, rampando per li sassi medemi, per quali erano passati, si ridussero salvi tutti à suoi quartieri, fuori che alcuni troppo avidi della preda, per essersi troppo tardi ridutti sotto il Monte, restarono alla radice di quello oppressi, & morti.

Giorgio Vescovo, a cui era commesso il supremo commando dell’Esercito Alemano, ancorche conoscesse, che gli Capitani erano degni di riprensione, & d’essere imputati d’imprudenza, essendosi per la lor temerità ridotto tutto il negotio ad evidente pericolo, ad ogni modo giudicò meglio in tal contingenza di tempo sminuire, & scusare la loro negligenza; che con temerità essagerata, certo col primo svegliarsi la virtù, col secondo destarsi odio più che intestino. Dunque prima s’affaticò scusare gli suoi, s’è scorso (diceva) non è dubbio gran pericolo, la causa però non fù nostra, è stato il pergiuro de nemici; il non hauer osservati gli patti della tregua. Bisognerà per l’avenire star più sù l’aviso, con usar maggior diligenza; Farà di mestieri star molto ben avertiti, acciò non si sparga fama, che gli Venetiani più habbin potuto con inganni, che gli Alemani, & Trentini con la loro propria virtù. [Esortatione del Vescovo à soldati.] Non esser più cosa vituperosa, ne disdicevole gabbar con frodi l’inimico, aspirandosi con diverse stratagreme, à nostri giorni, alla vittoria: hassi à vincere, cercare però in qual modo habbi vinto, stimarsi pazzia; il Soldato, che vuol combatere non deve essere negligente, ne pigro. Riducetevi à memoria quanta rovina, & calamità sij sopragiunta al Territorio Trentino, quanto difficil guerra habbin da sostenere gli Spagnuoli, Francesi, & Italiani, per haver congiurato contro Cesare; questo solo habbino sempre fisso nelle loro menti. L’Imperatore poi non attendere dalle vostre virtù se non fatti heroici, e sovrahumani: nella vostra fedeltà, virtù, & peritia di maneggiar l’armi, stà riposta, & hà confidata tutta la reputatione, & honore Alemano.

Non se stese molto il sapientissimo Prencipe in parole, & quelli, che non permetteva l’opportunità poter castigare, con bella maniera gli ritrasse dalla codardia, & dapocagine, licentiandogli in tal guisa, che parve gli havesse persuasi non ripresi, svegliata la lor virtù, non l’odio.

Fù quel ragionamento per obligar, & indolcir gli animi de Soldati, ricevuto in bene, & cosi richiamati à ripigliar l’armi, ritornarono in campagna. Il buon Vescovo più sollecito di prima nel oviare à qual si voglia pericolo, & averso incontro, che gli po-