Pagina:Antonino Traina - Nuovo vocabolario siciliano-italiano.pdf/1173

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
RIS — 1155 — SER


Q

Quaddara. V. quadara (In Messina).

Quagghiarina. V. calanddredda.

Qualera. V. colera (In Licata).

Quarlini. V. carrinu.

Quatreciu. V. gruppa.

Quatretti. pl. Quei chiodetti usati dai calzolai: punte.

R

’Rada. V. grada.

Radiccia. V. ramurazza.

Rafalata. V. lignata.

Raitteri. V. rigatteri al § 3 (In Siracusa).

Rajaliscia. V. raja, pesce.

Rampinu. Strumento da muratore: marra (Macaluso-Storaci).

’Ranatara. s. f. Albero delle melogranate: granato.

’Rancu. V. granciu.

Randigottu. s. m. Sorta di cappotto: randigotto (Caglià).

’Rannula. V. grannula.

Rantiaturi. verb. m. Chi va ratìo, chi si va raggirando.

Rappagghiu. V. rappugghia.

’Rara. V. grada.

Raricia. V. ramurazza.

Rarunchia. V. giurana (In Siracusa).

Rasolui. V. rosoliu.

’Rassizza. V. grassizza, e simili.

Restatizzu. V. arristatizzu.

Ribbuccatura. V. rivettica.

Ribbuttunari. V. rimmuttunari.

Ribbuzzu. V. ribbuttu.

’Ricchiedda. V. oricchiedda.

Rienu. V. riganu (In Messina).

Rifusu. a rifusu, a josa, a bizzeffe.

Rifuttutignu, Rifuttutu. Così i sudici parlatori si esprimono per dire astuto, scaltro.

Rignùttica. V. rivettica.

Riìbbisi, V. in ibbisi.

Riiddu. – tupputu: fiorrancino.

Rìniu. V. riganu.

Rìnnina. – di rocca: rondine montana. || – di barbarìa: rondine di Siberia.

Rinninuni. – americanu, V. pirnici di mari. || – di lavanti (Messina), – di rocca (Castrogiovanni), – pettu jancu (Catania), – mpriali (Siracusa): rondine di mare (Caglià), – di mari: uccello delle tempeste.

Ripassari. Per rivagliare.

Riposu. Per scaccheri V.

Risbattiri (A. V. ’nticciari. Ristinnenza. V. resistenza.

Ritortu. add. Ritorto. || a ritortu, dicesi una cucitura che abbraccia il tomajo, l’anima e il suolo delle scarpe in una sola tirata di spago.

Riutura. V. rivutura.

Rivirsinu. V. cirruviu (In Messina).

Rizza. Anco per vitusa V.

Rizziteddu. Il riccio della castagna.

Rizzogna. s. f. Capigliatura riccia.

Rizzognu, Rizzolu. add. Riccio, ricciolo, ricciuto.

Roccamari. V. arraccamari (In Messina).

Rocchia. – di funci, un cesto, alquanti uniti a cesto.

Rocciuli. pl. Lacci delle scarpe di pelo, o prantali V.

Ròsciula. V. rasula: rosotta (In Aci).

Rosulì. V. rosoliu.

Rucca. V. rocca.

Ruccaru. V. anco rucceri.

Rucciulera. V. rocciuli.

Rudituri. V. strudusu.

Rumuncella. V. lumìa (In Licata).

Runda. V. grunna (In Messina).

’Rungu. V. gruncu (In Messina).

Rurituri. V. rudituri.

Russeddu. – di cannitu: nonnotto.

Russiddottu. s. m. T. zool. Sorta di uccello di ripa della specie dei granocchiai: sgarza (z dolce).

Russulidda. s. f. T. zool. Spezie di uccello gabbiano: moretta tabaccata.

Rutedda. Per girannula V.

Ruvulu. s. m. Pezzo di legno tondo che si pone sotto gran mole per farla rotolare e andare: curro, rullo.

S

Saimmaccu. V. sagghimmarcu (In Messina).

Sajari. v. a. Far forza a cacciar fuori un oggetto da un sito.

Sammartinu. V. martineddu.

Sangazzuca. V. sancisuca.

Santu. Per sautu V.

Saprò. V. perciò (In Caltanissetta).

Sardari. V. saldari e simili.

Sarmura. V. salamoria.

Sarsu. V. salsu.

Sarvu. || a li sarvi, sorta di gioco V. a toccamuru (In Licata).

Sataredda. V. timu (In Siracusa).

Sauletta. V. rumaneddu.

Sàuru. V. anco crastuni.

Sbajaratu. V. sàracu (In Siracusa).

Sbarruari. V. abbarruiri.

Sbaventu. V. spaventu e simili (In Licata).

Sbavusatu. V. vavusu. || V. anco micciusu.

Sbiscu. add. Povero, scusso, spiantato.

Sborta. V. sbota.

Sbriccaria. Vale anco stravizzo o semplice ribotta.