Pagina:Arabella.djvu/316

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 310 —

oppresso era l’unico rumore che rompesse il gelido silenzio della stanza, mentre di fuori la furia d’un vento primaverile faceva stormir la pianta. Qualche stella scintillava sul nero sfondo dei vetri. Sentì sonare alcune ore che il vento portò via senza lasciarle contare. Coi gomiti appoggiati al tavolino, reggendo la testa coi palmi, rabbrividendo ai soffi freddi che entravan per le fessure, Arabella si abbandonò alla vertigine de’ suoi pensieri, che la travolsero di ombra in ombra fino all’orlo di un assopimento che ha del sonno tutti i fantasmi ma non l’oblio. E poichè tutti i dolori si conoscono tra loro, il suo patimento presente la menò a risentire le angoscie provate al letto del povero Bertino, a confondere nel rilassamento delle sensazioni se stessa col povero piccino agonizzante, a compassionare se stessa in lui, a combattere confusamente contro la morte, che voleva portarsi via il caro biondino.

Rivide lo squallore delle Cascine, lo smarrimento della sua povera mamma divenuta vecchia vecchia. E allora cercava di dimostrarle che il malato non era il bimbo, ma un’altra creatura, che perdeva la vita col sangue negli spasimi mortali di un aborto: finchè sopraggiungeva anche lo zio Demetrio a fare un discorso lungo e confuso sul conto del signor Tognino...

Si risvegliò a una voce che chiamava lì presso. In principio credette che fosse ancora lo zio Demetrio, ma quando riconobbe il luogo, la scrivania, la lettera rimasta tronca, capì che aveva fatto un sogno.

— Ho sete... — ripetè ancora la voce di poco prima,

La Colomba dormiva pesantemente sdraiata sul