Pagina:Archimede reintegrato.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

(43)

Ciò appunto accade nel ricercare sottilmente la mistione de’ Metalli nell’acqua, poichè l’Idrolibra, ancorchè carica collo stesso doblone sommerso nell’acqua, quantunque dimostrasse varietà tra li punti sommersi, non lascia però d’ammaestrarci, che non ne dia de’ barlumi per discoprire le cagioni delle mutazioni.

Le più notabili mutazioni, che fa lo strumento tuffandosi nell’acqua sono le seguenti.

Tuffandosi lo strumento nell’acqua col solito doblone di Spagna nel tempo più caldo dell’està, il punto della sommersione fa il 96., ma nel tempo più rigido del verno io lo trovai al num. 80., ancorchè carico dello stesso peso; eccovi dunque come questa mutazione non solo ci ammaestra, che l’acqua rappresa nel Verno partorisce diminuzione di mole, ed aumento di peso: ma anche ci dimostra con facilità la quantità del peso per la condensazione sudetta, che a proporzione importa grani 3. per ogni mole d’acqua uguale allo strumento, come si cava dalla proposizione 5.



F  2 Or