Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol.14, 1898.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 Parodi,

§ 2. IL DIALETTO NEI PRIMI SECOLI.


A. Testi.


N. 1. — Istruzioni politiche a Segurano [Salvago?], inviato dal Comune di Genova a Cipro.

Circa il MCCCXX.

[Dall’originale, nell’Archivio di Stato genovese; Materie politiche, Mazzo VIII.]1

A uoi, Seguran, cometamo per aregordo e a memoria redugamo, si como se dira de sota, primo:

Quando voi serej in Famagosta, presenterej la letera a li mercanti, la quar Noi u’auemo dajta. In apreso informajue de l’intencion de lo rej, e se li nostri mercanjnti an reguardo de si. Ancor se a la nostra questiun ello n’e fauoreuer o no, e segondo che uoj trouerej in la uoluntae e in lo senbia[n]te de li mercanti, lantor ve porrej conseiar in lo descaregar de la mercantia et in la uostra segurtae2. Chesto digamo inperzo che noi no sauemo como li seruixi de la stan. In atto che uoi v’acorzesi che dubio fosse, a uoj e a li mercanti, che ben no ue parese star seguri, lantor porresi cerchar la uostra segurtae e de lo nostro auer, segondo che a uoi e a li altri parra.

E per auentura porreua esser che lo rej aspejterea archunna anbaxa secreta, o parese in questo pasagio per tractar d’aconzo; e se e llo fesse sentir inter l[i] mercanti o per alcum de li nostri, poresi dir che uoj crej che li grandi seruixi che noi auemo a far de questa guerra no e stao prouisto a tae cosse, segondo che uoi crej.

In casso che perigo parese de descaregar le garee per sospezon — intendaj la quar sospezon paresse dubiossa, e che per questo dubio no ue parese segur lo star — , lantor si poresi presentarue deuanti lo rej con la letera de [c]reenza3 che noi v’auemo dajta, e seando dauanti da lo rej, saluarlo per parte nostra, s[i] como se dexe, e in apreso dir cosi como e diro de sota:

"Segnor Rej, noi mercanti somo vegnuj in la uostra terra con gran segurtae a far mercantia e[n] lanna, [per] la uostra terra e per nostro ben; per che sea




  1. * Questa carta fu già pubblicata, secondo la mia copia, da C. Desimoni, nell’‘Archivio Storico italiano’ XIX 106 sgg. Senonchè, non avendo potuto l’illustre uomo rivedere le bozze, usci così malconcia, da non far troppo onore al mio nome, sotto la cui responsabilità essa era posta. Circa il Segurano, a cui le ‘Istruzioni’ sono consegnate, vedasi l’articolo stesso del Desimoni, pp. 91 sg. n. — Di qui innanzi, nello sciogliere le abbreviazioni, non mando in corsivo le lettere aggiunte, se non quando l’oscillare dell’ortografia possa render dubbia la restituzione.
  2. sigurtae è meno probabile.
  3. Il c di creenza manca per un guasto della carta.