Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876.djvu/188

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 Lagomaggiore,

443voi reina con Profirio,
averei tosto festa e riso
e gran corona in paraiso.
Profirio chi fo ardende1
447fe converti incontenente
una bia compagnia
a chi elo era dao per guia,
zo e cavaler duxenti,
451chi fon crestiam valenti.
e per zo che non manchasse
zo de che se norigasse,
a quela santa ogni iorno
455venia meso monto adorno,
una bianca colunbina
con vianda monto fina.
poi Criste pin de cortesia
459gi vegne con gran conpagnia
de angel e vergene, digando
e la fantina confortando:
e son lo to creator,
463per che tu fai tanto lavor.
non te spavente aflicion,
che semper e contego som,
e tuto quanto tu soste
467sento e sostegno in corpo me.
Criste da lui qua si aluitao.2
l’emperaor fo retornao;
festa3 vegni a presente;
471e vegandola si resplendente
devegne turbao e gramo,4
creandola trova morta de fame;
ogni persona menazando
475chi roto avese so comando.
dixe: quar e staito si ardio
chi lo comando a strassaio?
aspete aver gram tormento
479en chi stai5 falimento:
d onde aven grande aflicion
li guardian de la preixom.
vegando questi si ferir
483la fantina prese a dir:
sapiai, re, no m e aduto
da persona alcun conduto;
ma Criste per angero so
487m a norigaa, chi far lo po.
dixe lo re: no dir parole
per che e le tegne fore:6
en to cor de avei scrito
491zo che aotro via e t o dito,
zo e farte esse si grande
como reina chi comande;
cossi serai grande e posente,
495regnando sovra la gente.
la vergem dixe: e, tu te guarda
che zuise De7 no te arda!
pensa in zo che e te voio dir:
499che don e De seguir,
segnor de gran possanza,
eternar, senza manchanza,
glorioso, da fir notao,
503belissimo, no deformao;
o homo pim de infirmitae,
mortar cun gran meschinitae,
vilan monto desprexiao,
507soccissimo8 e vituperao?
lo re con indignacion


  1. 446. ardente.
  2. 468. correggo: s e aluitao (o aluintao);- il ms. quasi.
  3. 470. fe esta «fece questa»?
  4. 472. l’o di gramo a quel che pare era un’e, poi corretta.
  5. 479. forse è stao.
  6. 489. tegno. E fore (’favole’) dev’essere dell’amanuense, per fole o folle; perocché altre volte la voce parole ritorna in rima con folle (p. es. nel cxxxviii), e mostrando così di suonar parŏle, difficilmente potrà limare con fōre.
  7. 497. il ms. de de (ripetuto).
  8. 507. il primo e di soccissimo è addossalo all’o, né si legge chiaro; anzi piuttosto le apparenze sono di un’e, onde sarebbe sœcissimo.