Pagina:Archivio Glottologico Italiano, vol. II, 1876.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 Lagomaggiore,

che l aquista mara fama,
e vexinanza lo desama,
e levementi e sospezao
8d aver faito un gran peccao;
per che ven in gran darmaio
lui e tuto so linaio.
tuti, andando per tar camin,
12visto o venir a tar fin.


XCIII.
De non laborando in diebus festivis (ivi, tergo).


Chi a De no fa honor
de festar quando se dexe,
De fargi1 perde tar or
4per un iorno pu de dexe.


XCIV.
Quedam amonicio de aspectu mortuorum (ivi).


Poi che la morte no perdona
chi ocie ogni persona,
e llo so corso e si comun
4che no ne po scampar alcun,
per lo zuixio de De
chi de paga bon e re
de tanto mar o tanto ben
8chi za mai no verra men;
quando tu vei in la per fin
morto iaxer lo to vexin,
guarda tu chi e romaso,
12chi aspeti si dur caso,
e vei che ogn omo se lagna
en devergi far compagna:
che monto e cosa meritoria
16da li2 morti aver memoria,
e per quelor pregar devei
chi no se pon za mai valer.
lo corpo roman tanto orribel
20che no so cossa si terribel.
tu chi vei quaxi ogni iorno
e la morte ai semper in torno,
per che stai peigro e durao
24en considerar to stao?
e, fin d aor che tu e vivo,
procura con grande asbrivo
d abandonar l onor mondan
28chi e cossi fuzasco e van,
e ngana como traitor
tuti soi mati seguior;
si como pecaor meschin
32chi dol aspeita senza fin,
perdando quelo regno biao
che De i a sempre apareiao,
con tanta gloria che zo
36nixun homo pensar no po.
se tu ben ge poni3 mente
como acega tuta gente,
ben dirai chi son orchi4
40e pu bestial cha porzi:
che monto speso ge son stao
enfra mi maraveiao,
che ni morte ni menaza
44ni mar ni ben dir5 che De gi faza,


  1. XCIII, 3. fagi (gli fa).
  2. XCIV, 16. de li.
  3. 37. il ms. ha un apice sull’o di poni, forse per la solita cifra che rappresenta la nasale (ponni).
  4. 39. sullo h di orchi il ms. ha una cifra che suol designare il r o la sillaba re; ma qui verisimilmente è superflua. Per la prima con orchi, dovremmo sostituire nel vs. seguente porchi, forma che è pure del dial. odierno (pōrchi).
  5. 44. parmi che dir sia da sopprimere, anche per ciò che il verso cresce d’una sillaba.