Pagina:Archivio della R. Società Romana di Storia Patria - Vol. XVI.djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La lega cristiana nel 1572 361

pontefice, poiché la lega, grandissima opera sua, la quale si grandi effetti aveva prodotto, per questa si teneva»1.


II.


Temevano i Veneziani, temeva il Colonna che la morte di Pio V potesse porgere pretesto ai loro alleati, che abbiam veduto così tiepidi nel preparare la spedizione navale in quell’anno, di venir meno ai patti giurati solennemente e di volgere altrove le forze che si andavano raccogliendo a Messina. Ed invero Filippo II, sospettando che l’elezione al trono pontificio potesse cadere su di un cardinale di parte francese2, tanto più che non gli erano ignote le segrete intenzioni e le speranze del cardinal Farnese, mandò subito ordine a don Giovanni che sospendesse la partenza da Messina ed attendesse nuovo avviso da Madrid prima di muoversi3. Quasi a bilanciare quest’ordine, egli incaricava il suo ambasciatore ordinario a Roma di avvisare il sacro collegio che a Messina tutto era pronto per la spedizione e che altro non si attendeva se non l’arrivo dei pontifici4.

D’altra parte i Veneziani, conoscendo, che ogni minima dimora poteva portare notabili danni, instavano presso il sacro collegio affinchè anche in sede vacante si occupasse dei negozi della lega5, ed i loro uffici sortirono buon effetto, poiché i cardinali, persuasi dell’importanza di questa

  1. Sereno, op. cit. p. 267.
  2. Prescott, op. cit. p. 117 e Van der Hammen, op. cit. p. 165.
  3. Sereno, op. cit.
  4. Conclave nella sede vacante presso Theiner, Annales ecclesiastici. Mantissa documentorum, p. 443: «Orator catholicus egit de rebus sacri foederìs dixitque D. Io. Austrium iam Messanae omnia parata habere &c,».
  5. Paruta, op. cit. p. 321 e Theiner, op. cit.