Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/126

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 vita di domenico cirillo

Nè più la finirei, se tutte volessi narrare le meraviglie che dopo settantanni si narrano ancora di quest’uomo che fu e sarà sempre una gloria dell’Italia1.





  1. Anche la scena s’impossessò de’ fatti tragici del 1794 e 1799; e vi furono i drammi su De Deo, sulla Fonseca, sulla Sanfelice, e l’Emma Liona.
    Federico Riccio scrisse il dramma storico in cinque atti Domenico Cirillo, nel quale sono interlocutori cinque de’ suoi compagni al patibolo, Pagano, Russo, Ciaia, Pigliacelli e Manthonè, personaggi storici, come storica è la sorella Zenobia; ma non punto la nipote Elena, alla quale vorrebbesi dare per marito il giovine e dotto cittadino Russo, e per amante un Lorenzo Tanfano figliuolo del famigerato Gennaro, capo de’ lazzari del mercato. Il carattere di Domenico fu studiato bene; fra’ pericoli della repubblica abbandonata da’ Francesi, egli mostra tutta l’anima sua nobilissima e secura, in mezzo all’Assemblea legislativa.
    Nè perde mai la sua fronte serena insino all’ultitmo giorno che lo scrittore credette il 28 invece del 29 di ottobre 1799.