Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 appendice alle annotazioni

nome. Domandalns, Quelli che moiitonio in quella peota, che ciera haveano, et eorae erano vestiti? respondit: era scuro non li ho potuti veder. Domandatus, Quando partisti da Venetia, oltre li barcaruoli che vogavano erano altri in barca? Respondit: Illustrissimo signor sì, ghe eran doi, uno bell’homo grande, che è capo, con colletto e spada in centura, mi par lo chiamassero Signor Alessandro con poca barba negra, l’altro più presto vecchio, che dicevano essere venuto di Puglia allora, un poco toffolotto1 nel viso, di statura mediocre. Domandatus. Questi doi quando montorno, eristù in peota? respondit: uno era in peota e l’altro, cioè il capo, era in terra, e montò subito anco lui. Domandatus, Li vedestù a venir camminando in presso alla peota? respondit: vennero in pressa2 et andassimo subito via con la peota, et era mezzo dì in circa. Domandatus, Vedestù alcun di quelli che montorno in peota, che fusse bagnato? respondit: Illustrissimo signor no.

Ad generalia recte respondit. Lecta confirmavit et iuravit.

«Die dicta. - Venne dinnanzi l’Illustrissimo signor Avogador Raimondo il nobile homo Andrea Diedo fu di Ser Piero et disse che in proposito delle ferite date al padre maestro Paulo volea dar conto di alcuni particolari importanti. Onde con parola delli Eccellentissimi Signori Capi fu tolto il suo detto, come segue. Hieri dopo disnar insieme con il nobil homo ser Domenego di Friuli andassimo a Santa Ternita a veder una casa del nobile homo ser Andrea Centanni tenuta ad affitto dal Reverendo messer priore Michiel da Santa Ternita, et andati di sopra nel primo solare3, e trovata una camera serrata e dimandato ad una donna, che sta nel soler di sopra di detta casa se si potea veder quella camera, rispose, che il detto prete era partito in quello in quello4 e che havea tolto licentia, e che la sera partiva per Loreto: detta donna lo ricercò che dovesse lassarli le chiavi di detta camera, li rispose non cerche altro, che veniranno persone a tuor la robba et a chi verrà datela.

Lecta confirmavit et iuravit.

«Ritornato il sopradetto nobil homo ser Andrea Diedo disse esserli sorvenuto, che la sopradetta donna li disse anco, che quel prete hieri mattina havea disnato in casa del Poma, e che credea che le chiavi della camera fossero, o dal detto Poma, o ad

  1. Paffuto.
  2. In fretta.
  3. Solare, qui corrisponde a piano.
  4. Allora allora.