Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 12 (1870).djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 appendice alle annotazioni

Et dictum, Havete sentito dir chel sia stato ultimamente in alcuna question? respondit: Signori no in verità.

Super generalibus recto. Relectum confirmavit et iuravit. Monita de silentio.

«1607, 8 Ottobre. - Giovanni Corder, quondam Cesare, di Venetia habita al ponte del carozzer a San Zuane in bragora marinaro, che al presente va rombazo col nobil homo ser Hieronimo Meramo capitano delle navi, del qual Corder era stato riferito, che habbia in certo ragionamento dette alcune cose, che meritano, nel presente caso del padre Mastro Paolo dei Servi, essere havute in consideratione, monito et interrogato se è stato ultimamente a Roma, quando et quanto tempo, e per occasione di che vi è stato, rispose: Vi son stato con occasione del mio ritorno qua da Napoli che vi gionsi i primi giorni del mese di luglio passato, et me vi fermai fino nelli ultimi del medesimo mese alloggiato ad una camera locante al popolo. Et dictum. Havete havuto in quel tempo in Roma ragionamento pratica di mercanti, o preti di questa città? respondit: Io hebbi ragionamento col signor Ridolfo Poma, il quale trovai un giorno per transito in piazza Navona et lo salutai et mi menò con lui fino alla camera dove stava per mezo l’hosteria della posta di Roma in strada di Ponte Sant’Angelo che era molto tempo che non l’haveva visto, anzi restò stupefatto ch’io l’havesse conosciuto, perchè era vestito ad una certa livrea da campagna di cavalcar, et così li dimandai che v’è di novo, havete qualche travaglio? Respondit di no, et che passa a Napoli per andar poi a Bitonto da un suo figliuolo, che credo sia mercante; et havendolo dimandato come stavano li miei, per allora non dicessimo altro, se non che mi disse, che voleva poi ritornar a Venetia, et che mi lasciasse a vedere, et era solo. Andai poi il giorno dietro et nella strada di Ponte lo trovai che l’andava verso San Pietro et con lui un prete dei nostri venetiano, prete vestito lascivo, giovine magro di circa 28 in 30 anni, poca barba negra, ben formado, piuttosto di statura alto che altramente. Et dictum. Come si chiamava questo prete? respondit: L’ho ben sentito nominare, ma non me lo ricordo. Et dictum: Come lo conoscesti per venetiano, l’havete veduto in qualche chiesa qua a Venetia, o come? respondit: Non lo haveva veduto qua in luogo alcuno, che mi ricordi; ma il Poma mi disse: questo è nostro venetian, e mi me l’offersi se il me voleva comandar qualche cosa per Venetia; mi disse che gran mercè et che haveriano scritto per il corriera per la posta. Et dictum, vedete da ricordarvi el supra nome, respondit: non mi sovvien veramente, et gli ho poi veduti molte volte sempre insieme, et vi era con essi