Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 prima poscritta alle osservazioni

mala signoria accori i popoli soggetti. Al modo stesso che tal voce nacque e recentemente in Francia, ed or fa cinque secoli e forse prima in Inghilterra, così è ragionevole che nascesse parimente in Sardegna. Sorgente principalissima di parole latine nel medio evo è la traduzione volgata de’ sacri libri. Ora in questa ἐπανιστάμενοι, ἐπανέστησαν è costantemente tradotto insurgentes, insurrexerunt. Per simile ragione se in alcun luogo del testo greco dei libri si fosse trovata la voce ἐπανάστασις, sarebbe naturalmente stata tradotta insurrectio. Così difatti avendo Deletone nelle Memorie raccolte da Sertonio trovato ἐπανάστασις, tradusse naturalmente insurrectionem; come tal voce e volgarizzata nel Tesoro di Enrico Stefano, che certo non trasse questo vocabolo dai girondini. Ma in conferma dell’antico uso della voce insurrectio abbiamo ancora un’autorità ben più grave al caso nostro, quella cioè di un Glossario greco- latino anteriore agli stessi Deletone e Narciso; essendo di tale antichità, ch’Enrico Stefano, che primo lo diede alla luce1, vuole che con quella testimonianza si arricchiscano i lessici della lingua latina. Ora in questo glossario leggiamo: ἐπανίστημι, insurgo, exsurgo; ἐπανάστασις, insurrectio.

22. E qui pongo fine ad ogni discussione, col fermo proposito di non riprenderla se non quando verranno da me publicate le numerose poesie edite ed inedite, che si contengono in queste Carte. Ed anche allora, cessando da ogni lotta, e lasciando d’ora in poi di combattere direttamente gli scritti degli oppositori, cercherò soltanto di recare quanta maggior luce per me si potrà nell’import une quastione, sia adducendo le ragioni che parranno più adatte a dimostrare, come cercando di sciogliere le objezioni state mosse finora o che si moveranno per combattere, la sincerità delle Carte di Arborea.

Carlo Vesme.          

  1. Glossaria duo e situ vetustatis eruta. Parisiis, 1573. Excudebat Enricus Stephanus.