Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

fra venezia e ravenna 229

dieci giurarono di osservare e fare osservare i nuovi patti, e giova di vedere gli strani nomi di quegli antichi cittadini: alcuni di tali nomi divennero illustri e si spensero, altri rimangono tuttavia.

Nello stesso giorno lo campane raccoglievano il popolo nell’antichissima basilica Orsiana, ed un Damiano gridatore del Comune habita parabola ab hominibus, dictæ concionis jurandi super animabus eorum, ciò è avuta facoltà dai cittadini ivi adunati di giurare in loro nome e sulle anime loro, con l’assenso ed a nome del popolo stipato nella vetusta basilica, promise e giurò sugli evangeli che i Ravennati avrebbero pe’ cinque anni venturi fedelmente mantenuti i nuovi patti coi Veneziani.

[Che cosa si rilevi dal Trattato, suo scopo.]

Dai quali patti si vede di quali merci Ravenna facesse commercio: frumento, vino e sale di cui erano feraci 1 suoi campi e le sue marine. Si vede che avea relazioni con le Marche e con le Puglie d’onde esportava grani, vini, carni, olio, formaggi e fichi probabilmente secchi. L’oro, l’argento, le pietre preziose, le sete vi erano portate o depositate dai Veneziani. Mancano documenti i quali spieghino la ragione storica del trattato: forse a’ Ravennati fu necessario lo stipularlo attesa la grande carestia del vino, dell’olio, dei fichi, e delle carni per la pestilenza negli animali domestici che, come vedemmo, venne dopo quel freddissimo inverno. - Scopo del trattato per i Veneziani apparisce essere il desiderio di assicurare in Ravenna i loro mercanti, alleviare a loro il peso dei dazj, agevolare i trasporti, assicurarsi di ajuto nei casi di naufragio, impedire i soccorsi di vettovaglie ai nemici Padovani, ottenere il risarcimento de’ danni ricevuti negli ultimi quindici anni, indirizzare a loro vantaggio il commercio del sale, ed assicurarsi che i prodotti dell’Italia meridionale a Venezia piuttosto si portassero che alle città di Romagna e di Lombardia . - E per quanto riguarda gli ordinamenti politici, due cose mi sembrano da osservarsi siccome particolarissimi indizj dello stato