Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/476

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
470 rassegna bibliografica

tendono al bene per un insuperabile istinto.... Il bene adunque non può essere l’ultimo fine delle operazioni, se non è il Buono»1. - Anche il Mamiani, nelle Confessioni di un Metafisico, si trova a discorrere dell’argomento medesimo. E quasi avesse in mente un ricordo dell’opera di Bunsen, egli scrive: «Dio eterno ed inaccessibile dee venire studiato assai più nelle opere sue che nella chiusa e tremenda sua maestà. Però noi ci stenderemo volentieri nella scienza degli enti creati, cercandovi da per tutto le orme di Dio»2; le quali da per tutto appariscono. E Dio, l’assoluto, egli lo cerca negli studi dell’universale come del particolare; della natura esteriore come dell’uomo interiore, dell’individuo come delle comunanze, e di tutta quanta la società degli uomini: la quale «vede... fondarsi nell’autorità; e l’autorità, mutato nome ed aspetto, essere Dio legislatore universo e padre del giure, come lo chiamarono appunto i Latini con l’appellazione di Juspater»3. La quale fede in Dio padre del giure, anima e avviva la esposizione delle Confessioni4; e uno sente come si abbia poi col tempo a verificare la legge di Vico; e come nel mondo delle nazioni ogni cosa abbia a ridursi nel suo vero essere5; e come «il progredire di tutta la stirpe aiuti ed accerti quello dei singoli popoli, quanto il progredire di ciascuno di essi aiuta ed accerta il moto perfettivo dei singoli cittadini»6. E che quindi «il me si confonda sempre col noi, e l’egoismo privativo più non sussista»7. E quindi

  1. Ivi, pag. 400.
  2. Vol. I, pag. 368.
  3. Ivi, pag. 398.
  4. Della fede vi si leggono queste parole notevoli: «La fede interviene così a confermare e corroborare i trovati della ragione speculativa; come a dilatarli ed a compierli» (Ivi, pag. 395). - «Grande errore commetterebbe colui, per nostro giudicio, il quale stimasse che dalla scienza e dalla sapienza non rampolli una fede immensamente più pura e sublime della volgare» (Ivi, pag. 399).
  5. Egli scrive: «Fa maraviglia a pensare, come questo concetto di Dio e questo continuo meditare delle sue perfezioni venga col tempo e il sere della civiltà dilatandosi dentro le menti, e informi profondamente di sè gli abiti più sostanziali del nostro sapere e del nostro operare» (Ivi, pag. 398).
  6. Vol. II, pag. 847.
  7. Ivi, pag. 856.