Pagina:Ardigo - Scritti vari.djvu/276

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
270 Scritti vari



14.

La filosofia del Bergson.


La brillante ed evanescente filosofia bergsoniana — in cui sono reminiscenze dei gnostici e dell’antico Plotino — considerata specialmente dal solo aspetto dello «slancio vitale», è più che altro una specie di irrazionalismo, che può dar causa a nuove forme di nietzschianismo ed imperialismo sociale, antitetici all’etica ed alla idealità del socialismo. Piuttosto noi dobbiamo essere d’accordo col Bergson e con tutti gli idealisti là dove essi esaltano il volontarismo di fronte al determinismo e al meccanicismo.


15.

L' individuo.


Unum enim et indivisum est homo, prout homo.

Chiunque imprende a mutare l’animo, o a modificare un’altra natura qualunque, conviene che aggiunga delle parti o ne muti l’ordine, o se non altro dalla somma detragga alcun che.


16.

Fede e filosofia.


La fede è la filosofia dei non filosofi.


17.

La tolleranza della sventura.


Nella sventura doppiamente sventurato è chi non sa sopportarla serenamente.