Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/177

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

cando nono 171


4
     Di tanto core è il generoso Orlando,
che non degna ferir gente che dorma.
Or questo e quando quel luogo cercando
va, per trovar de la sua donna l’orma.
Se truova alcun che veggi, sospirando
gli ne dipinge l’abito e la forma;
e poi lo priega che per cortesia
gl’insegni andar in parte ove ella sia.

5
     E poi che venne il dì chiaro e lucente,
tutto cercò l’esercito moresco:
e ben lo potea far sicuramente,
avendo indosso l’abito arabesco;
et aiutollo in questo parimente,
che sapeva altro idioma che francesco,
e l’africano tanto avea espedito,
che parea nato a Tripoli e nutrito.

6
     Quivi il tutto cercò, dove dimora
fece tre giorni, e non per altro effetto;
poi dentro alle cittadi e a’ borghi fuora
non spiò sol per Francia e suo distretto,
ma per Uvernia e per Guascogna ancora
rivide sin all’ultimo borghetto:
e cercò da Provenza alla Bretagna,
e dai Picardi ai termini di Spagna.

7
     Tra il fin d’ottobre e il capo di novembre,
ne la stagion che la frondosa vesta
vede levarsi e discoprir le membre
trepida pianta, fin che nuda resta,
e van gli augelli a strette schiere insembre,
Orlando entrò ne l’amorosa inchiesta;
né tutto il verno appresso lasciò quella,
né la lasciò ne la stagion novella.