Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/296

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290 canto


4
     Con si animosi petti che vi fòro
vicini o poco lungi al gran periglio,
crollaste sí le ricche Giande d’oro,
sí rompeste il baston giallo e vermiglio,
ch’a voi si deve il trionfale alloro,
che non fu guasto né sfiorato il Giglio.
D’un’altra fronde v’orna anco la chioma
l’aver servato il suo Fabrizio a Roma.

5
     La gran Colonna del nome romano,
che voi prendeste, e che servaste intera,
vi dá piú onor che se di vostra mano
fosse caduta la milizia fiera,
quanta n’ingrassa il campo ravegnano,
e quanta se n’andò senza bandiera
d’Aragon, di Castiglia e di Navarra,
veduto non giovar spiedi né carra.

6
     Quella vittoria fu piú di conforto
che d’allegrezza; perché troppo pesa
contra la gioia nostra il veder morto
il capitan di Francia e de l’impresa;
e seco avere una procella absorto
tanti principi illustri, ch’a difesa
dei regni lor, dei lor confederati,
di qua da le fredd’Alpi eran passati.

7
     Nostra salute, nostra vita in questa
vittoria suscitata si conosce,
che difende che ’l verno e la tempesta
di Giove irato sopra noi non crosce:
ma né goder potiam, né farne festa,
sentendo i gran ramarichi e l’angosce,
ch’in veste bruna e lacrimosa guancia
le vedovelle fan per tutta Francia.