Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ventesimoterzo 217


96
     Rimontò sul destriero, e ste’ gran pezzo
a riguardar che ’l Saracin tornasse.
Noi vedendo apparir, volse da sezzo
egli esser quel ch’a ritrovarlo andasse;
ma, come costumato e bene avezzo,
non prima il paladin quindi si trasse,
che con dolce parlar grato e cortese
buona licenzia dagli amanti prese.

97
     Zerbin di quel partir molto si dolse;
di tenerezza ne piangea Issabella:
voleano ir seco, ma il conte non volse
lor compagnia, ben ch’era e buona e bella;
e con questa ragion se ne disciolse,
ch’a guerrier non è infamia sopra quella
che, quando cerchi un suo nimico, prenda
compagno che l’aiuti e che ’l difenda.

98
     Li pregò poi, che quando il Saracino,
prima ch’in lui, si riscontrasse in loro,
gli dicesser ch’Orlando avria vicino
ancor tre giorni per quel tenitoro;
ma dopo, che sarebbe il suo camino
verso le ’nsegne dei bei gigli d’oro,
per esser con l’esercito di Carlo,
acciò, volendol, sappia onde chiamarlo.

99
     Quelli promiser farlo volentieri,
e questa e ogn’altra cosa al suo comando.
Feron camin diverso i cavallieri,
di qua Zerbino, e di lá il conte Orlando.
Prima che pigli il conte altri sentieri,
all’arbor tolse, e a sé ripose il brando;
e dove meglio col pagan pensosse
di potersi incontrare, il destrier mosse.