Pagina:Ariosto-Op.minori.2-(1857).djvu/466

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
456 la scolastica.

SCENA II.

PISTONE, EURIALO.


Pistone.S’io avessi tolto il punto dall’astrologo,
Io non avrei potuto il piede mettere
Fuor di casa in miglior otta, per giungere
Più a tempo: e voglio creder che inspiratomi
Abbia Dio di far oggi, contra il solito
Mio, quella strada; che sei mesi passano
Ch’io non vi son più stato.
Eurialo.                                            (Quanto intendere
Posso, ha novelle costui che gli piacciono.)
Pistone.La mia è ben stata ventura grandissima,
Che nel maggior bisogno, e quando avevone
Minor speme, così veduto io l’abbia.
Eurialo.(Costui danari o anello o cosa simile
Ha ritrovato. La vô bene intendere.)
C’hai tu, Piston, trovato? ci voglio essere
A parte.
Pistone.               Vostro padre, il qual...
Eurialo.                                                    Dio, ajutami!
Pistone.È ritornato in dietro.
Eurialo.                                   Come?
Pistone.                                              Dicemi
Che non era anco al ponte, che sferratosi
Gli è il caval tutto, e l’ha fatto rimettere
Al maliscalco, sapete, ch’è l’ultimo
Poichè d’un pezzo s’è passato l’Angelo.1
Eurialo.Pur anderà?
Pistone.                    Non; gli ho detto io che gionteci
Son queste donne a casa.
Eurialo.                                         Ah, temerario.
Indiscreto e gaglioffo! Or, non avevoti
Commesso espressamente, e minacciatoti.
Che non ne fèssi parola?
Pistone.                                         Vietastemi
Che noi dicessi a strani, ma in quel novero
Non è da por vostro padre.
Eurialo.                                             Vietavoti,


  1. Nome di osteria suburbana. Vedi la nota 1 a pag. 261.