Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/431

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

411
Latte, decilitri 4.
Uova, N. 3.

Versate il latte bollente sopra il pane tagliato a fette sottili. Dopo due ore circa d’infusione passatelo dallo staccio per renderlo tutto unito; poi mettetelo al fuoco collo zucchero, il burro e la cioccolata grattata. Rimestate il composto spesso, fatelo bollire alquanto e lasciatelo diacciare. Aggiungete allora le uova, mettendo prima i rossi e quindi le chiare montate; cuocetelo a bagno maria in uno stampo liscio unto col burro e servitelo freddo. Per dargli più bell’aspetto non sarebbe male di coprirlo, dopo sformato, con una crema.

Questa dose potrà bastare per cinque persone.


532. - Mele all’inglese

Questo piatto potreste anche chiamarlo pasticcio di mele, chè il nome non sarebbe improprio.

Prendete mele rose o di altra qualità duracine, levate loro il torsolo con un cannello di latta e tagliatele a fette rotonde e sottili. Poi mettetele al fuoco con l’acqua sufficiente a cuocerle e un pezzetto di cannella. Quando saranno a mezza cottura versate tanto zucchero da renderle dolci e un poco di candito a pezzettini.

Prendete un piatto di rame od un vassoio di porcellana che regga al fuoco, versatele nel medesimo, copritele con pasta frolla, mettetele in forno o nel forno da campagna, e servitele calde per dolce.


533. - Zabaione

Rossi d’uovo, N. 3.
Zucchero in polvere, grammi 60.
Vino di Marsala o di Madera, oppure vino santo,