Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/130

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 robinson crusoe


17. Vidi alcuni pezzi di vascello che il vento avea portati su la spiaggia ad una distanza di due miglia da me; a malgrado della qual distanza risolvei di andar a vedere che cosa fossero, e trovai un frammento di sperone1, ma troppo pesante perchè io potessi trasportarlo meco.

Dal 18 maggio al 15 giugno. E in questo giorno e ne’ seguenti sino al 24 di questo mese, il mio lavoro fu sempre dello stesso genere. Nel giorno 24 giunsi, benchè a grande stento, a smovere tante cose col rampicone, che alla prima marea crescente galleggiavano parecchie botti e due casse da marinai; ma il vento soffiando da terra, nessuna di queste cose potè giungere a riva, eccetto alcuni pezzi di legname ed una botte che contenea carne di porco del Brasile, ma affatto rovinata dall’acqua salsa e dalla sabbia. Continuai in simil lavoro ogni giorno fino al 15 giugno, salvo le ore necessarie a cercarmi nudrimento, le quali io facea sempre cadere durante l’alta marea per essere in tempo a recarmi al lavoro giornaliero quando essa calava. In tutto questo tempo ottenni e legnami e tavole e ferramenti, quanti sarebbero bastati a costruire una buona feluca se fossi stato abile a ciò; in più volte ed in pezzi spezzati giunsi ancora a procacciarmi circa un quintale di lastre di piombo.

16. Trasportatomi alla riva del mare, trovai una grossa testuggine, la prima ch’io avessi veduta; e ciò, a quanto sembra, fu solamente mia sfortuna, non difetto del luogo o scarsezza quivi di questi animali; perchè se mi fosse occorso di pigliar terra in un’altra banda dell’isola, ne avrei avuto un centinaio per giorno, come ebbi occasione d’accorgermene in appresso; ma forse avrei pagata troppo caro la mia scoperta.

17. Tal giorno fu impiegato nel cucinare la mia testuggine, entro cui trovai sessanta uova; la carne di essa fu per me in quel tempo la più saporita e deliziosa che avessi gustato in mia vita, perchè io non aveva avuta altra carne, che di capre e d’uccelli da che fui gettato in questo deserto.




  1. Unione di pezzi sporgenti dalla ruota di prua che operano di conserva con gli alberi e le altre parti del vascello.