Pagina:Avventure di Robinson Crusoe.djvu/589

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

robinson crusoe 521

fosse la sua opinione in materia di fede, certamente portava un grande amore alle anime degli altri uomini, ed è cosa ardua a credersi che non ne portasse altrettanto all’anima propria), quell’uomo caritatevole dunque non potè starsi dal piangere; poi ricompostosi, mi disse:

— «Provate un po’ a chiedergli se ha piacere che sia troppo tardi, o se invece ne è dolente e s’augurerebbe che la cosa fosse altrimenti.»

Tal quale mi fu detta riportai questa interrogazione ad Atkins, che con abbondanza di passione mi rispose:

— «E come vorreste che mi piacesse uno stato di cose in cui vedo certissima l’eterna mia dannazione? Ben lontano ch’io n’abbia piacere, credo che una volta o l’altra ciò mi condurrà ad un ultimo precipizio.

— Vale a dire?

— Credo che una volta o l’altra mi taglierò le canne della gola per porre un termine ai terrori fra cui m’avvolgo.»

Quando raccontai tale risposta al prete francese, crollò il capo e vidi nel volto di lui la commozione della sua anima. Tutt’in un tratto mi si volse con queste parole: