Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

e? — — 78 — E il vezzoso fanciulle tto piegava la bionda testolina con una cert’aria supplichevole, che rubava i baci. — Chiacchierino ! — rispose ridendo la signora — come si fa a dirti di no? farò come vuoi; alla meglio però, bambino mio, chè io non sono una dottoressa.... — Oh c’è pericolo! — Dunque disponete le seggiole accanto all’ uccellerà, e a momenti son con voi; vo a dare alcuni ordini, perchè ci venga portata la merenda nel giardino. — Guarda, Guido; — disse il mio padroncino all’amico — hai visto mai nulla di più carino di questo gallettuccio ? — E accennò con la mano quella tal personcina, che i miei lettori conoscono da un pezzo. — Carino davvero! E come l’hai avuto? — Me lo regalò ieri la Marietta, la figliuola de’ nostri contadini di Vespignano. — È proprio grazioso ; e come pare affezionato ! Dacché son qui, non s’è mai staccato da’tuoi piedi. — Già; è più fedele d’un passerotto; guarda come sta attento. Si direbbe che intende ciò che diciamo. — Guido mi prese e mi accarezzò gentilmente. Tornò la signora Clotilde col suo ricamo in mano, e sedè accanto a’ bambini. Io beccavo qua e là senza allontanarmi da loro; il cielo era sereno, l’aria odorosa; gli uccelletti cantavano a distesa, e dappertutto era una pace che consolava. Peccato che la mia povera mamma fosse lontana! —