Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

39

1. Origine della grandezza di Roma. — Machiavello, Bossuet, Vico, Montesquieu e gli altri scrittori che ragionarono della grandezza di Roma ne cercarono per lo piú le cause nelle leggi, nell’interna costituzione di lei. Ma cosí succede nella storia, come nell’altre scienze progredite, che gli uomini minori ma posteriori, valendosi delle fatiche altrui, de’ fatti nuovamente scoperti, de’ progressi della scienza, possano forse aggiungere alcunché alle conchiusioni di que’ sommi. Certo che le due costituzioni monarchica e repubblicana di Roma, mettendo in opera, riunendo all’opera tutte le forze vive dello Stato, furono belle, virili, vigorose, progressive costituzioni. Ma ogni ragione è di credere oramai che le cittá circonvicine e molte delle piú discoste, come le umbre e le sanniti, le quali si mostrarono poi cosí forti contro a Roma stessa, avessero non solamente simili costituzioni, simili ordini civili e militari, ma non dissimile virtú; e il fatto sta che ne’ trecentosessantaquattro primi anni suoi (poco meno della metá di sua esistenza da Romolo ad Augusto), Roma non ottenne, non asserí niuna grande superioritá sulle cittá contemporanee, niuna vera preponderanza, anzi niuna grande potenza nella penisola. Ed all’incontro il fatto sta che da quell’anno 390, dalla magnifica rivendicazione dell’indipendenza propria contro ai galli, dalla piú magnifica rivendicazione dell’indipendenza di tutte le genti italiche antiche ch’ella intraprese allora contro ai medesimi, incomincia, e piú non cessa, e s’accresce d’anno in anno la potenza materiale, il credito, la preponderanza politica di Roma