Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del dominio della republica romana 41

moderni di governo rappresentativo. Il popolo eleggeva i magistrati: due consoli annui, poco men che principi in cittá e all’esercito; pretori, loro aiuti dentro e fuori; e poi edili, tribuni ed altri uffiziali minori. All’infuori di questa gerarchia, i censori, che facevano ogni quinquennio il censo o statistica, e n’aveano grande autoritá mutando di grado e di condizione i cittadini, e sindacando, o, come fu detto, censurando i costumi; il dittatore, magistrato straordinario ed assoluto eletto nelle occasioni di gravi pericoli militari o civili: il pontefice massimo e molti minori; oltre i tribuni della plebe, difensori allora, estenditori poi de’ diritti popolani. — Le elezioni a tutti questi carichi erano state originariamente fatte dal popolo, ma tra’ patrizi. Ora, appunto ne’ primi anni della impresa nazionale contro ai galli, i patrizi accomunarono que’ carichi a’ plebei; ed accomunaron le nozze; grandi arti (male imitate ai tempi nostri) ad accomunare gli animi, e farsi forti tutti insieme contro allo straniero. E giá dal tempo dell’assedio di Veio erasi compiuta un’altra mutazione; quella della milizia annuale in stanziale e perciò pagata. E questa pure fu mutazione grande e feconda di conseguenze. La legione romana, forte allora d’un cinque o seimila uomini, e formata di fanti gravi e leggeri e di cavalli, era senza dubbio una bella unitá militare. Ma forse nemmen questa fu esclusivamente de’ romani; ed all’incontro tal fu allora la milizia stanziale. Cosí si maturò la costituzione civile e militare, ad uso delle esterne conquiste.

3. Un secolo di guerre ed estensioni circonvicine [390-290]. — Le quali furono proseguite meravigliosamente dalla rinnovata Roma fin dal primo secolo. Coi galli ella non s’alleò mai contro ad altri popoli nazionali come facevan questi tra lor gare domestiche. Poche paci od anzi tregue, guerre quasi continue. — Con gli etrusci all’incontro, ora guerre, ma ora alleanze; e per mezzo dell’une e dell’altre, sempre estensioni in quell’Etruria oramai decadente a precipizio. Cosí con gli altri popoli via via incontrati nell’estendersi, umbri, campani, sanniti, lucani, apuli. I sanniti furon l’osso piú duro a frangere; con essi durò la guerra oltre a cinquant’anni [343-290]. Una volta [321] parve perduta; quando