Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

del dominio della republica romana 45

8. Dieci anni di estendimenti [200-190]. — Di nuovo seguono conquiste piú facili, ma pur grandissime. Si assale, si vince Filippo re di Macedonia, a castigo dell’alleanza testé pattuita con Annibale; si restituisce di nome la libertá a’ greci, in fatto si fanno alleati cioè seguaci di Roma. Poi, prendendone pretesto a liberar pure i greci d’Asia minore, si passa in quella, e s’assale Antioco re di Siria; si vince in due battaglie navali ed una terrestre presso a Magnesia; e, fatta pace, si dividono le conquiste d’Asia tra gli alleati di Roma. Intanto si perseguitano fin lá in Asia i nemici nazionali, i galli, che v’aveano spinta una migrazione; si ferma alleanza cioè preponderanza su Egitto; e si guerreggia e vince in Liguria e in Ispagna. Cosí la guerra e la politica romana s’estesero dall’Atlantico all’Eusino; e ciò in quarant’anni; comparabili, anzi (posciaché durò l’effetto loro) superiori a’ dieci da noi veduti dell’imperio di Napoleone.

9. Séguito e conseguenze [190-150]. — Ne’ quaranta seguenti, si continuò ed ordinò il principiato. Si contese di nuovo con Filippo, si guerreggiò con Perseo successore di lui, ed ultimo re di Macedonia. Perciocché, vincitore dapprima, vinto poi a Cidna, ei fu preso e tratto in trionfo a Roma; e Macedonia ne rimase liberata, a modo di Grecia, sotto l’alleanza romana. E si continuò a guerreggiare in Ispagna, Liguria, Sardegna, Corsica, Istria ed Illirio; e si decideva a Roma delle successioni de’ regni di Siria e di Egitto.

10. Terza guerra punica, l’acaica, la spagnuola ed altre [150-134]. — Dopo tanto padroneggiare tutto intorno al Mediterraneo era conseguente, inevitabile compier l’annientamento dell’antica rivale. Fu meno una guerra, che non un disarmamento e una distruzione; provocata da Catone e da quel suo continuo «delenda Carthago», che sarebbe stato piú generoso se detto contro un nemico piú forte. Scipione Emiliano condusse quest’ultima guerra punica, eseguí la distruzione [146]. Né furono diverse l’ultima guerra greca, la distruzione della lega achea e di Corinto. E, distrutti cosí in un anno i due maggiori centri commerciali del Mediterraneo, la preponderanza marittima di Roma diventò signoria unica, e il Mediterraneo lago italiano. Rimaneva, quasi sola