Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 libro terzo


E cosí la guerra, che giá era di civiltá contro alla barbarie, diventò pure di religione; il che risponde all’accusa antica e nuovamente fatta al cristianesimo d’avere menomata quella difesa dell’imperio. Se questo avesse potuto o dovuto esser salvato, sarebbe stato da una guerra di religione. Del resto, ucciso Graziano da Massimo un nuovo augusto, Teodosio venne in aiuto a Valentiniano II, prese ed uccise Massimo; e quando Valentiniano fu ucciso dal suo maestro de’ militi che innalzò Eugenio, egli, Teodosio, combatté e prese pur questo; e cosí riuní per l’ultima volta, ma per poco, i due imperii. Morí l’anno appresso, 395.

15. L’ultima divisione, l’invasione e la caduta dell’imperio [395-476]. — Per sempre dunque si ridivisero i due imperii: l’orientale (compreso l’Illirio) sotto Arcadio primogenito; l’occidentale sotto Onorio, l’altro figliuolo del gran Teodosio. Degeneri, mediocri amendue, lasciarono governare lor maestri de’ militi, lor cortigiani, lor donne, loro eunuchi. Allora straripò, innondò la piena de’ barbari vicini, premuti a spalle piú e piú da quegli unni che giá vedemmo sul Danubio, e di che si disputa tuttavia, da quali steppe dell’Asia fosser giunti, di quale schiatta, finnica, turca, o propria, fosser cresciuti. — Quindi, dal basso Danubio scesero i visigoti per mare e per terra, in Grecia, Pannonia ed Illirio; dalla Germania, i vandali, gli alani e gli svevi, in Gallia, e quindi attraversandola, in Ispagna [400 c.]. Tra breve, Alarico re de’ visigoti penetrò fino a Verona, e vi fu vinto da Stilicone, maestro de’ militi e poco men che tutore dell’imperatore occidentale. E penetrò secondo Radagasio con un nembo di genti varie fino in Toscana, e vi fu vinto dal medesimo Stilicone. Ma venuto questo in sospetto, giusto, o no, di voler usurpare l’imperio, ed ucciso nel 408, Alarico ridiscese subito fino a Roma che multò; poi tornovvi l’anno appresso e la prese innalzandovi, contra Onorio, Attalo ad imperatore [409]; poi tornovvi la terza volta e la pose a sacco [410], e morí poi. Quindi Ataulfo suo successore lasciò l’Italia, passò in Gallia meridionale e Spagna, fondovvi un regno goto, unendosi ai barbari precedenti. Intanto Onorio faceva augusto