Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, I.djvu/191

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
188 parte prima

madonna Isotta dal marito a la presenza di tanti signori cosí vituperosamente sgridare, fatto buon animo, e dal prencipe, che giá data l’aveva, presa licenza di parlare, con viso allegro e salda voce cosí a ragionar cominciò: — Serenissimo prencipe e voi magnifici signori, poi che il mio caro marito cosí disonestamente di me si duole, penso io che messer Girolamo Bembo sia del medesimo animo verso la sua consorte. Onde se non gli fosse risposto, parria ch’eglino dicessero il vero e che noi di qualche gran sceleratezza fossimo colpevoli. Il perché con buona grazia vostra, signori eccellentissimi, a nome di madonna Luzia e mio, quanto per ora mi occorre in diffensione nostra e de l’onor nostro dirò, convenendomi cangiar proposito di quanto aveva deliberato di dire; ché se egli tacciuto si fosse e non cosí tosto da la còlera vinto corso a le ingiurie, io d’altro modo a salvezza di lor dui ed in escusazion nostra averei parlato. Nondimeno per quanto s’estenderanno le deboli forze mie, io proverò di far l’uno e l’altro. Dico adunque che i mariti nostri contra il devere ed ogni ragione di noi si dolgono, come adesso adesso farò lor toccar con mano. Io porto ferma openione che il rammarico e l’acerbo lor cordoglio per due cagioni e non da altro fonte debbia nascere, cioè da l’omicidio che essi falsamente hanno confessato d’aver fatto, o vero per la gelosia che acerbamente i cori gli rode che noi siamo femine impudiche, essendo l’uno in camera de l’altro, quasi nel letto stato preso. Ma se si avessero ne l’altrui sangue imbrattate le mani, e questo li devesse affligere e tormentare, a noi, per Dio, che ne deve calere, quando senza conseglio, senza aita e senza saputa nostra sí orrenda sceleraggine fosse da lor commessa? Veramente non so veder io che di questo eccesso biasimo alcuno ne debbiamo noi altre ricevere, e meno che eglino possano di noi querelarsi, perciò che egli si sa che chi fa il male o chi dá cagione di farlo, concedevol cosa è che la debita pena e severo gastigamento, come comandano le sante leggi, patisca, e dia essempio altrui di astenersi da le triste operazioni. Ma di questo a che piú contrastarne, ove i cechi vederebbero il diritto esser nostro, e tanto piú che qui, la Dio mercé, messer Aloise vivo si vede, che tutto il contrario afferma di quello che