Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, I.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 parte prima

con Ferrante molto spesso andar fuor di notte quando era a Vicenza, considerate le parole de la Pasqua, tenne per fermo madonna Lucrezia esser di Bernardino innamorata, e che Giacomo per la sembianza del fratello era preso in fallo. Ora ne l’entrare che Giacomo fece ne la camera, essendo cortegiano molto gentile, salutò riverentemente la donna, la quale come il vide, fattosegli incontra, l’abbracciò strettamente ed il basciò piú volte, e poi gli disse: — Beato chi vi può vedere. Sono giá tanti giorni che sète in Vicenza, e fate, non so perché, cosí gran carestia di voi, che a pena vi lasciate talora vedere. E che peggio è, salutandovi io questi dì, voi non degnaste di rispondermi. — Signora mia, — rispose Giacomo — nel vero io ebbi poca discrezione; ma voi cosí a la sproveduta mi coglieste, che io essendo fieramente immerso in certi miei pensieri, mancai forte del debito mio. Ma eccomi che io sono qui in poter vostro; pigliate di me quella vendetta che piú v’aggrada, ché io vi sarò sempre ubidientissimo servidore. — Poteva la donna al parlar cortegiano del giovine accorgersi de l’inganno e chiaro conoscer quello non esser Bernardino; ma tanta era la simiglianza dei volti dei dui fratelli, che ella era solo intenta a contemplar la bellezza del giovine, che al parlar forastiero non metteva mente. Aiutati adunque a spogliarsi da la Pasqua, se n’entrarono in letto, dove Giacomo fece prova di valente cavaliero, ma molto piú lascivamente di quello che Bernardino era uso di fare, perciò che esso Giacomo aveva a Roma imparato molti tratti lascivi, cosí nel basciare come nel resto. Andò la Pasqua come ebbe spento il lume e introdusse messer Gregorio, il quale, ancor che gli spiacesse invece de la padrona giacersi con la fantesca, nondimeno tutta notte corse le poste. Levatisi poi per tempo i dui fratelli, a casa se ne ritornarono. Ora il marito de la donna, che era dimorato fuor di Vicenza lungo tempo, se ne venne a casa, e venendogli in acconcio, egli affittò una sua bella possessione che in contado aveva, dove soleva per il piú del tempo dimorare. E cosí abitando in Vicenza, era levata la via a la moglie di potersi trovar con il suo amante. Di che ella menava un’amarissima vita e non si poteva a modo veruno consolare, avendo sempre l’animo