Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, III.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVELLA XXXIV 241 conseglio. Il quale finito che fu, il contestabile usci e fu preso dagli arcieri e dettogli che era prigione del re. E cosi fu menato a la Torre e ben guardato. Si fece il processo ed indi a pochi di gli fu per commissione del re ne \a piazza del castello una matina mózzo il capo. Che se egli avesse saputo por il chiodo a la rota de la Fortuna, cioè viver da gentiluomo e non esser cosi ingordo del sangue umano, forse che averebbe avuto megliore e più onorato fine che non ebbe.