Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, III.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


S6 PARTE SECONDA punto schiva, di modo ch’egli acquistò la grazia di lei ed ella di lui. Di questo secondo amore trovandosi il signor Ventimiglia molto contento ed ogni di più ritrovando la donna costumata e cortese, in tutto si scordò la prima amata, ma seco di se stesso si vergognava che mai amata l’avesse. E di tal sorte in questo secondo amore si governò che nessuno mai se n’accorse. Era già quasi passato un anno dopo il ritorno di Sicilia in Napoli del si¬ gnor Ventimiglia, quando avvenne che al signor Giovanni Toma- cello marito de la Macedonia fu da alcuni suoi parenti mossa una molto intricata lite, in modo che per alcune scritture alora ritrovate dagli avversari suoi era il Tomacello a periglio grandissimo di perder roba per più di quaranta mila ducati del suo patrimonio. Il che in quanto travaglio lo mettesse, pensilo ciascuno che a simil rischio si ritrovasse. Piatendosi dunque questa lite dinanzi al Gran conseglio del re, e al Tomacello parendo che i suoi avversari aves¬ sero più favore di lui, e per questo temendo rimaner perdente de la lite, non sapeva che si fare. Aveva egli consegli dei più eccellenti dottori del regno che la ragione era per lui, ancor che fosse molto intricata. Egli fu da qualche amico suo consegliato che devesse ricorrer ad uno dei favoriti di corte, a ciò che la lite senza tante prolungazioni si determinasse, perciò che i parenti suoi, avendo il favoreche avevano, cercavano far depositar i beni che si piativano, e poi menar la lite in lungo; il che se si metteva in essecuzione, era la total rovina del Tomacello. Onde egli considerando bene tutti gli uomini di corte e pensando di cui meglio si poteva preva¬ lere, fu consegliato che ricorresse al marchese di Cotrone, per¬ ché non ci era persona in corte più servigiale né più cortese di lui, ed era il più favorito del duca di Calabria e molto dal re Al¬ fonso amato. Il Tomacello che niente mai aveva inteso de l’amor del marchese con la moglie ed altre fiate aveva sentito predicar la liberalità, umanità, cortesia ed affabilità con altre rare doti che in quello erano, ancor che seco domestichezza non avesse, deli¬ berò andargli a parlare ed impetrar da lui che in questa lite lo volesse favorire. Fatta tra sé questa deliberazione, non diede indugio a la cosa; ma il seguente giorno subito che ebbe desi¬ nato montò su la mula e a casa del marchese se n’andò, .NOVELLA